Mattia Preti: Daniele interpreta il sogno di Nabucodonosor


Daniel Interpreting Nebuchadnezzar’s Dream

L’opera trattata

 

Opere di Mattia Preti: Daniele interpreta il sogno di Nabucodonosor

Oggi parliamo dell’opera del Cavalier Calabrese che sta facendo discutere le più importanti testate europee di arte e non (qui un articolo presente sul sito del giornale “The Independent“): Daniele interpreta il primo sogno di Nabucodonosor, comprato all’asta Sothebys dal ministro maltese di Gozo Anton Refalo per la cifra di €371,233 (quasi 400,000 dollari).

La polemica

E’ notizia di fine Marzo che Anton Refalo, ministro di Gozo, abbia comprato all’asta Sothebys un quadro di Mattia Preti per la cifra di 400.000 dollari all’insaputa dell’Heritage di Malta, l’agenzia nazionale maltese responsabile per i Beni e le opere d’arte.

Questo è bastato a far scoppiare la polemica a mezzo stampa sia sulle testate maltesi (maltatoday  e Times of Malta in primis), sia sulle testate europee (è di pochi giorni fa l’articolo del britannico The Independent); a ciò si aggiunge anche il fatto che la cifra sborsata, che comprende anche la consegna al non ancora aperto museo di Rabat, ammonta quasi all’intero valore delle acquisizioni dello stesso Heritage Malta dal 2014 in poi, compresa l’acquisizione, per € 75.000, di un autoritratto del Cavalier Calabrese nell’anno 2016!

Secondo l’Heritage inoltre, l’offerta massima accettabile avrebbe dovuto essere  di € 350.000; da quanto trapelato però l’offerta per il capolavoro del Preti, non solo è stata maggiore, ma è stata fatta addirittura al telefono ed è stata acquistata attraverso Sotheby da una collezione privata di Londra.

La stessa Sotheby stimava di vendere il dipinto tra $ 200.000 e $ 300.000, ma ha finito per venderlo al ministro di Gozo a $ 396.500; diciamo che in questo caso vale il classico proverbio “Tra i due litiganti, il terzo…gode!!”

L’opera è stata anche ospite del Museo Civico di Taverna e del museo di Torino negli anni passati; ora per ammirarla bisognerà fare un viaggio nell’isola di Gozo a Malta.

L’opera

Il dipinto rappresenta Daniele portato davanti a Nabucodonosor, il quale ha avuto la visione di una figura luminosa, con la testa d’oro, il petto e le braccia d’argento, il ventre e le cosce di ottone, le gambe di ferro e i piedi di argilla.

Daniele interpreta il sogno come il passaggio del tempo attraverso le varie epoche in cui egli ha regnato: “Tu stavi osservando, o re, ed ecco una statua, una statua enorme, di straordinario splendore, si ergeva davanti a te con terribile aspetto. Aveva la testa d’oro puro, il petto e le braccia d’argento, il ventre e le cosce di bronzo, le gambe di ferro e i piedi in parte di ferro e in parte di creta. Mentre stavi guardando, una pietra si staccò dal monte, ma non per mano di uomo, e andò a battere contro i piedi della statua, che erano di ferro e di argilla, e li frantumò. Allora si frantumarono anche il ferro, l’argilla, il bronzo, l’argento e l’oro e divennero come la pula sulle aie d’estate; il vento li portò via senza lasciar traccia, mentre la pietra, che aveva colpito la statua, divenne una grande montagna che riempì tutta quella regione.

Questo significa che quella pietra che tu hai visto staccarsi dal monte, non per mano di uomo, ha stritolato il ferro, il bronzo, l’argilla, l’argento e l’oro. Il Dio grande ha rivelato al re quello che avverrà da questo tempo in poi. Il sogno è vero e degna di fede ne è la spiegazione

Info:

Tecnica: olio su tela

Misure: 153 x 196 cm. (60.2 x 77.2 in.)

Data di creazione: 1670/75

Ambito geografico: Isola di Gozo (Malta)


Mattia Preti
No Comments

Post a Comment